Wacom Cintiq e Cintiq Pro 13

Cintiq Pro 13 vs Cintiq 16

Mi entusiasma sempre esplorare nuovi prodotti e capirne la tecnologia.

Ecco a voi una breve recensione di queste due tavolette (Cintiq Pro 13 e Cintiq 16), all’apparenza simili, ma in realtà molto diverse tra loro. Cerchiamo di capire se le caratteristiche giustifichino il divario di prezzo. Di seguito i dati tecnici più rilevanti:

*prezzo al 10/05/19

Nonostante le dimensioni molto simili, già a prima vista spiccano alcune importanti differenze come la ricercatezza delle linee di design, il peso ed i pulsanti personalizzabili. La dotazione di cavi e connessioni presenti sulle tavolette è ben diversa, a vantaggio della versione Pro. Apprezzo sempre di più le USB-C del mio MacBook Pro che mi consentono di utilizzare un unico cavo per collegare i miei dispositivi!

È chiaro da subito come il prodotto di punta sia la gamma Pro.

La penna (Wacom Pro Pen 2) è la stessa per entrambe con 8192 livelli di pressione ed il riconoscimento dell’inclinazione. Un’ottima penna per ergonomia e materiali, senza parallasse e quasi nessun ritardo durante il disegno. Il quasi è d’obbligo perché mi sono trovata ad avere dei ritardi nel tratto e dopo approfondite ricerche ho capito che si tratta di un problema legato ad Adobe. Purtroppo sono riuscita a risolverlo solo eliminando le preferenze di tutti programmi che utilizzo (Photoshop, Illustrator, Indesign, Xd e Lightroom prima di tutti).

Contrasto, luminosità e spazio colore sono più performanti sulla Pro. Per mia curiosità ho cercato nel dettaglio a quale gamut corrispondessero i profili NTSC (CIE1931) e Adobe RGB. Lo condivido con voi:

Differenza gamut NTSC Cie 1931 e Adobe RGB
Differenza gamut NTSC Cie 1931 e Adobe RGB

Anche il touch è presente solo sulla Pro. Mi piace molto il trattamento del vetro che è antiriflesso e più ruvido rispetto alle precedenti tavolette. Meglio ancora se abbinato alla punta bianca della Pro Pen 2, che è più porosa. In questa combinazione si avvicinano di più all’effetto del disegno della matita su un foglio di carta.

Sono due prodotti decisamente buoni: la scelta va fatta sempre in base alle proprie esigenze e alle proprie disponibilità. La versione Pro è un prodotto più professionale, che consente anche l’utilizzo delle funzioni multitouch. Personalmente mi mancano i tasti veloci e credo sia quasi d’obbligo abbinare al display una tastiera o il telecomando ExpressKey. Quest’ultimo ha 17 tasti personalizzabili e un Touchring che consentono di personalizzare il dispositivo in base alle proprie specifiche esigenze e flusso di lavoro.

Queste sono le mie impressioni, attendo impazientemente le vostre!

1 Commento

Unisciti alla discussione per dirci la tua

Nicolarispondi
10 Maggio 2019 a 14:42

Recensione chiarissima e molto approfondita . Ottima l’idea di condividere a quale gamut corrispondano i profili NTSC. Si sa se Wacom ha in programma la commercializzazione di una versione Pro 16?

Rispondi