WBF – The World Bodypainting Festival

267 artisti provenienti da 44 nazioni, tanti, tantissimi colori.
Voglia di divertirsi, imparare, confrontarsi e anche vincere.
30.000 visitatori anche quest’anno e centinaia di fotografi giunti da 20 nazioni.

Sto parlando di WBF, ovvero “The World Bodypainting Festival” che da 15 anni si svolge a Pörtschach am Wörthersee in Austria. Quest’anno si è tenuto dal 6 all’8 Luglio.

Un evento spettacolare, unico del suo genere, dove gli artisti si sfidano a colpi di colore in 3 diverse categorie (Amateur Award, Special Award, World Award) a loro volta divise in varie discipline:

  • pennello e spugne
  • aerografo
  • effetti speciali
  • facepainting
  • fluo painting

Una location stupenda, in un lago verde circondato da meravigliose montagne, una buona organizzazione ma soprattutto una sfida mozzafiato, questi sono gli ingredienti del festival. I temi da sviluppare per quanto riguarda il World Award di quest’anno sono stati molto particolari e articolati. Il venerdì e il sabato l’argomento era “Inner fears – battling the invisible“, mentre per la finale di domenica “Avant-garde, innovative.provocative“.

Passeggiare tra gli stand, è come trovarsi in un mondo immaginario. Basta girare l’angolo per trovarsi davanti ad una meravigliosa fata delle fiabe e in quello successivo un extraterrestre. Non fidarti nemmeno di una bellissima donna uscita dall’arcobaleno, perché sulla sua schiena potresti vedere che c’è un’altro volto che ti scruta.

Fiori e farfalle dipinte sui corpi dei modelli sembrano vere, come anche caramelle e dolciumi, ma non toccarli! Hai visto quelle due zebre passare? Ah, no, scusa erano due leggiadre ragazze dipinte in bianco e nero.

Anche diversi artisti italiani si sono sfidati nella competizione. I ringraziamenti sono doverosi nei confronti di Arianna Barlini per avermi invitato all’evento e per avermi concesso di entrare nel suo stand per fotografare la sua opera disegnata sulla modella Alexia Kulterer. Potete vedere le loro foto all’inizio della gallery fotografica.

1 Commento

Unisciti alla discussione per dirci la tua

Nicolarispondi
19 luglio 2012 a 22:53

STRE-PI-TO-SOOOOO!!! Prima di leggere questo articolo non avevo neppure idea che esistesse il WBF… Le foto lasciano a bocca aperta! Se già ciascuna di esse testimonia e rende appieno l’assoluta bravura di ogni singolo artista, figurarsi cosa dev’essere dal vivo… Complimentissimi per il reportage!

Rispondi